A chi è rivolto

Il canone è dovuto dal titolare dell'autorizzazione o della concessione o, in mancanza, dal soggetto che effettua l'occupazione o la diffusione dei messaggi pubblicitari, anche in maniera abusiva. Per la diffusione di messaggi pubblicitari è obbligato in solido il soggetto pubblicizzato.

Descrizione

Il canone di concessione, autorizzazione o esposizione pubblicitaria (nuovo canone unico) è stata introdotto dal 1° gennaio 2021 dalla Legge 27/12/2019, n. 160 e riunisce in una sola forma di prelievo le entrate relative all’occupazione di aree pubbliche e la diffusione di messaggi pubblicitari.

Il canone unico patrimoniale (canone patrimoniale di concessione, autorizzazione o esposizione pubblicitaria) e il canone unico mercatale (canone di concessione per l’occupazione delle aree e degli spazi appartenenti al demanio o al patrimonio indisponibile, destinati a mercati realizzati anche in strutture attrezzate) sostituiscono pertanto i seguenti tributi (Legge 27/12/2019, n. 160, art. 1, com. 816):

l’imposta/canone sulla pubblicità

il diritto di affissione

la tassa/canone per l’occupazione spazi e aree pubbliche

il canone previsto all’art.27, commi 7 e 8, del codice della strada.

E’ comprensivo di qualunque canone ricognitorio o concessorio previsto da leggi e regolamenti, ad eccezione di quelli eventualmente connessi a prestazioni di servizi.

l canone unico patrimoniale (Cup) è dovuto per:

  • l’occupazione, anche abusiva, delle areeappartenenti al demanio o al patrimonio indisponibile degli Enti, compresi gli spazi soprastanti o sottostanti il suolo pubblico e le aree private gravate da servitù di pubblico passaggio.
    Sono comprese, ai fini dell’applicazione del canone, i tratti di strade statali, regionali o provinciali situati all’interno del centro abitato (l’articolo 2, comma 7, del decreto legislativo 30 aprile 1992 n. 285 e s.m.i.);
  • la diffusione, anche abusiva, di messaggi pubblicitarimediante impianti installati su aree appartenenti al demanio o al patrimonio indisponibile degli Enti, su beni privati nel caso siano siano visibili da luogo pubblico o aperto al pubblico del territorio comunale, ovvero all’esterno di veicoli adibiti a uso pubblico o a uso privato;
  • occupazione, anche abusiva, delle aree destinate a mercati. Per le occupazioni mercatali temporanee, il canone comprende anche la tariffa per il servizio di asporto rifiuti (Tari).

Come fare

Il pagamento avviene su invito emesso dal Comune

Dal 01/01/2021 il servizio di riscossione anche coattiva e di accertamento del canone occupazione spazi ed aree pubbliche permanente e temporanea, nonché della correlata TARI giornaliera, in aggiunta alla gestione concessoria dell’imposta comunale sulla pubblicità e diritto sulle pubbliche affissioni, costituenti il canone unico patrimoniale, è affidato Società ABACO SPA, con sede in Via F.lli Cervi, 6 - 35129 Padova (PD) 

Contatti:

Abaco SPA
Via F.lli Cervi, 6 - 35129 Padova (PD) 
tel: 011/64.06.709
email : boltiere.tributiminori@abacospa.it

Cosa serve

Avviso di pagamento emesso dalla società concessionaria

Cosa si ottiene

Pagamento del Canone Unico Patrimoniale

Tempi e scadenze

Entro il 31 marzo di ogni anno

Quanto costa

I costi variano in base alla tipologia di occupazione di suolo e/o di esposizione pubblicitaria.

Ulteriori informazioni

Accedi al servizio

Oppure, puoi prenotare un appuntamento e presentarti presso gli uffici.

Condizioni di servizio

Per conoscere i dettagli di scadenze, requisiti e altre informazioni importanti, leggi i termini e le condizioni di servizio.

Contatti

Ufficio Tributi

Municipio Via Dante Alighieri, 7/A - 24040 Boltiere (BG)

Pagina aggiornata il 21/05/2024, 14:17

Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Valuta da 1 a 5 stelle la pagina

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito? 1/2

Dove hai incontrato le maggiori difficoltà? 1/2

Vuoi aggiungere altri dettagli? 2/2

Inserire massimo 200 caratteri