Sei in: Skip Navigation LinksHome > News-Primopiano > IUC 2016 - ESENZIONE DEL 50% DELL’IMU SUGLI IMMOBILI CONCESSI IN COMODATO (art. 1, comma 10 L. 28.12.2015, n. 208)

IUC 2016 - ESENZIONE DEL 50% DELL’IMU SUGLI IMMOBILI CONCESSI IN COMODATO (art. 1, comma 10 L. 28.12.2015, n. 208)
Indietro

 

Per poter usufruire dell’esenzione del  50% dell’IMU sugli immobili concessi in comodato gratuito, la Legge di stabilità 2016  - L. 28.12.2015 n. 208 – ha previsto, all’art.  1 comma 10, i seguenti requisiti:


-       L’esenzione non è applicabile agli immobili di categoria A/1, A/8 E A/9;

-       Gli immobili di categoria diversa da quelli di cui sopra devono essere concessi in comodato dal soggetto passivo (PROPRIETARIO/USUFRUTTURAIO/TITOLARE DEL DIRITTO DI SUPERFICIE) ai parenti in linea retta entro il primo grado che le utilizzano come ABITAZIONE PRINCIPALE, a condizione che:

1.   Il contratto sia registrato; per usufruire dell’aliquota agevolata per tutto l’anno 2016 occorre che il contratto di comodato sia stato registrato entro il 01.03.2016;

2.   Il comodante possieda un solo immobile in Italia (per immobile si intende “immobile abitativo”; l’agevolazione è pertanto estesa a chi possiede terreni di proprietà; non è invece estendibile a chi detiene una quota percentuale della portineria condominiale, in quanto trattasi di alloggio/abitazione del custode) e risieda anagraficamente nonché dimori abitualmente nello stesso comune in cui è situato l’immobile concesso in comodato;

3.   l’esenzione si applica anche nel caso in cui il comodante, oltre all’immobile concesso in comodato, possieda nello stesso comune un altro immobile adibito ad abitazione principale, ad eccezione delle unità classificate A/1, A/8, A/9.

-       Ai fini dell’applicazione delle disposizioni di cui sopra, il soggetto passivo dovrà attestare il possesso dei requisiti suddetti nel modello di dichiarazione di cui all’art. 9, comma 6, del D.lgs. 14.03.2011, n. 23, vale a dire nel modello di dichiarazione IMU anno 2016 che verrà approvato dal Ministro dell’Economia e delle Finanze, sentita l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani.